Insonnia - rimedi ayuverdici

lunedì, 12 settembre 2016

Insonnia - rimedi ayuverdici

Sempre più persone soffrono nella nostra frenetica società, di problemi del sonno- gli effetti sono importanti e la soluzione è spesso l'assunzione di farmaci. Con l'Ayurveda possiamo avere un approccio diverso. 

Il 25% delle persone adulte soffre saltuariamente di disturbi del sonno. Questo problema è in aumento. Ma quello che ci manca, in un mondo che si sta trasformando velocemente, è solo il riposo?

Le conseguenze di un disturbo del sonno possono essere gravi. I sintomi sono diversi, da persona a persona.

  • irritabilità
  • sonnolenza diurna
  • difficoltà di concentrazione
  • riduzione di efficienza

A lungo termine si possono verificare problemi di salute:

  • sovrappeso
  • invecchiamento precoce
  • un sistema immunitario indebolito
  • un aumento del rischio di malattie cardiache

Trattamento farmacologico

I problemi di sonno sono ora in gran parte trattati con i farmaci con i quali si elimina il sintomo. In questo caso, però, la causa non viene estirpata. Questa soluzione non è quindi del tutto giusta. 

Disturbo Vata

La maggior parte della causa dell'insonnia è un disturbo Vata e a volte uno squilibrio Pitta. Purtroppo, non esiste una soluzione universale, perché le cause possono essere diverse ed ogni persona è diversa. Possibili fattori scatenanti dell'insonnia possono includere:

  • abitudini alimentari scorrette
  • stress
  • paranoie che ostacolano la tranquillità
  • abitudini di sonno scorrette
  • insufficiente equilibrio tra attività e relax
  • insicurezza

I sintomi tipici di un disturbo Vata sono anche rigidità articolare, problemi alla schiena o stitichezza. È meglio consultare un medico ayurvedico che potrà studiare il vostro caso singolarmente e coordinare al meglio le vostre abitudini.

Consigli per un buon sonno:

Veniamo ora ad alcune raccomandazioni concrete su come dormire meglio.

  • In Ayurveda, ogni momento della giornata ha un dosha. Circa alle ore 22 finisce il tempo Kapha e inizia il tempo di Pitta. Questo significa che si dovrebbe andare a letto prima delle 22 e alzarsi prima delle 6 del mattino, perché poi finisce il tempo di Vata. Così si può dormire durante la fase Pitta, che ha un effetto positivo sulla rigenerazione del corpo durante il sonno. Inoltre pare sia più facile addormentarsi.
  • La routine è importante. È fondamentale mantenere abitudini regolari, come andare a letto alla stessa ora ogni giorno stabilendo i rituali del sonno. Sarebbe utile, prima di andare a dormire, fare sempre le stesse cose così che il corpo si abitui ad avere una routine. In questo modo il sistema nervoso si calmerà.
  • L'esercizio fisico è importante per un sonno adeguato. Tutto è concatenato. Gli studi hanno confermato che le persone che esercitano regolarmente esercizio fisico riescono a  dormire meglio. Inoltre, quando il cortisolo (ormone dello stress) è ridotto, ci si addormenta più facilmente.
  • Yoga: utilissimo al fine di formare non solo il corpo, ma  anche per un buon livello di umore ed una riduzione dello stress.
  • Mangiare tre volte al giorno, preferibilmente alla stessa ora. Astenersi alla sera dal cibo piccante. Inoltre, sarebbe utile non assumere caffeina e alcool dalle ore 17 in poi.
  • Nella vostra camera da letto, si deve solo dormire. Diventerà così un luogo in cui il quotidiano e lo stress non hanno posto.
  • Prima di dormire, un massaggio al collo e ai piedi con olio di Vata o ghee è un modo per rilassarsi. Questo contribuisce al buon sonno.
    • Erbe ayurvediche speciali. Queste includono:
    • Guduchi: calma lo spirito
    • Ashvagandha: aiuta a combattere lo stress
    • Brahmi: contro nervosismo e irrequietezza
  • Un'altra buona idea è il tè Vata con liquirizia, zenzero, cannella, cardamomo oppure latte caldo con il miele, noce moscata, cannella, zafferano, zenzero o il cardamomo (non necessariamente adatto per Kapha). Anche le tisane (finocchio, erba di San Giovanni) sono una possibilità.
  • Naturalmente, la meditazione è importante.