Parliamo di agni - il fuoco digestivo

Parliamo di agni - il fuoco digestivo

Sentiamo dire spesso questa frase: "Sei quello che mangi". L'Ayurveda sembra offrire una prospettiva un po' diversa a riguardo. Secondo l'insegnamento ayurvedico, sarebbe più corretto dire: "Sei ciò che digerisci". E il nostro modo di vivere moderno può ostacolare proprio i processi digestivi. Prendiamo ad esempio il cavolo riccio o i frullati verdi. Questi superfood sono molto alla moda in questo periodo e vengono osannati perché ricchi di vitamine e altri nutrienti. Ma solo perché contengono così tanti ingredienti preziosi, non significa che il nostro corpo sia in grado di assorbirli al meglio e trarne beneficio. Per poter sfruttare appieno i benefici di ciò che mangiamo, dobbiamo anche digerire bene.

Ed è qui che entra in gioco un concetto centrale dell'insegnamento ayurvedico: l'agni, il fuoco digestivo. Immagina un piccolo fuoco che "brucia" nel nostro stomaco e nell'intestino. L'obiettivo è alimentare questo fuoco senza farlo crescere troppo o soffocarlo. Ognuno digerisce il cibo in modo diverso. Quando una persona beve un frullato verde, esso può essere a volte paragonato a un grosso pezzo di legno bagnato che viene gettato sul fuoco e lo soffoca. Un'abitudine del genere può portare a grossi problemi digestivi a lungo termine. Per altre persone, invece, che hanno un forte agni per natura, lo stesso frullato può essere facile da digerire e quindi molto salutare.

La digestione è importante

Come fai a scoprire se riesci a digerire bene certi cibi? Non è così complicato. Dopo aver mangiato, dobbiamo sentirci soddisfatti ed energici. Subito dopo il risveglio, dovremmo avere fame e la digestione dovrebbe funzionare bene e regolarmente. Se, d'altra parte, ti senti letargico, esausto o malato dopo aver mangiato, questo è un segno che il cibo non è stato digerito correttamente. Altri segni possono includere perdita di appetito, lentezza, costipazione o diarrea.

Cosa fa bene e cosa no

Oltre alla nostra costituzione e al cibo che scegliamo di conseguenza, agni è il fattore più importante nel decidere cosa e come dovremmo mangiare. Agni può essere influenzato negativamente dai seguenti fattori:

  • troppo cibo
  • mangiare troppo poco (malnutrizione)
  • mangiare la stessa cosa tutto l'anno, indipendentemente dalla stagione
  • bere troppa acqua durante i pasti
  • troppo poco sonno
  • stile di vita sedentario
  • pasti irregolari

Ecco cosa fare per supportare agni:

  1. Ascolta il tuo corpo. Se non hai fame, non mangiare nulla.
  2. Resisti all'impulso di fare piccoli spuntini durante il giorno quando non hai fame. Il nostro corpo ha bisogno di tempo per digerire l'ultimo pasto prima di mangiare di nuovo.
  3. È meglio aspettare due o tre ore dopo un pasto prima di fare esercizio, altrimenti il corpo non avrà abbastanza tempo per digerire completamente il cibo.
  4. Prova a mangiare in un'atmosfera rilassata. Quindi fai a meno del computer o dello smartphone. Goditi la pace e la tranquillità mentre mangi.
  5. È importante consumare cibi che corrispondono al tuo dosha (vata, kapha, pitta) e mantenere il corpo in equilibrio. Dovresti anche mangiare stagionalmente e nelle porzioni giuste, nè troppo nè poco.
  6. E non dimenticare mai: è fondamentale godersi il gusto del cibo!